Specializzazione per le attività di sostegno, presto il VI ciclo?

Specializzazione per le attività di sostegno

Il percorso di formazione del V ciclo specializzazione per le attività di sostegno si concluderà nei prossimi mesi (entro il 16 luglio), ma già in tanti attendono il decreto di attivazione del VI ciclo.

Al momento non si conoscono né i tempi dell’emanazione del bando, probabilmente, prima di luglio, nè la distribuzione dei posti, eccetto quello dei disponibili (6.191) che risultano dal residuo della programmazione approvata dal MEF che con Nota N. 13870 del 24 gennaio 2019 aveva autorizzato per il triennio 2018-2021 tre cicli di specializzazione per 40 mila posti complessivi (14.224 posti per il IV ciclo e 19.585 per il V ciclo).

Con la stessa proporzione del bando 2020, i 6.191 posti autorizzati saranno divisi tra le circa 50 università autorizzate e che hanno già attivato il percorso di specializzazione.

La pochezza dei posti crea una certa apprensione tra gli idonei del V ciclo, ossia coloro che hanno superato le prove ma non sono rientrati nel numero dei posti disponibili presso l’Università scelta.

A questo punto i docenti summenzionati avranno due possibilità:

1) spostarsi in un’altra Università che abbia ancora posti vuoti dopo la selezione, perché il numero dei vincitori non raggiunge il numero dei posti disponibili.

2) partecipare in qualità di sovrannumerari al VI ciclo TFA sostegno.

Naturalmente, ai 6.191 posti già autorizzati, riservati esclusivamente ai candidati del nuovo ciclo 2021 non vanno conteggiati né gli idonei né i sovrannumerari idonei dei precedenti cicli (art. 4, comma 4, del DM 92/2019) che:

  • Abbiano sospeso il percorso ovvero, pur in posizione utile, non si siano iscritti al percorso;
  • Siano risultati vincitori di più procedure e abbiano esercitato le relative opzioni;
  • Siano risultati inseriti nelle rispettive graduatorie di merito, ma non in posizione utile.

 I 40 mila posti sono stati così suddivisi: 14.224 posti nel IV ciclo TFA sostegno, 19.585 per il V ciclo, che è in corso di svolgimento e dovrebbe concludersi intorno al 16 luglio, 6.191 per il VI ciclo, che è ancora da avviare.

Immissioni in ruolo 2021/2022

Posti liberi

Posti assegnati

POSTI NON ATTRIBUITI

Posti complessivi

84.808

19.294

65.514 (78%)

Sostegno

21.453

1.657

19.786 (92%)

Disciplina o posto comune

64.175

17.637

46.538 (72%)

(Fonte infoMiur.it)

 Requisiti di accesso Infanzia e primaria:

  • Laurea in Scienze della formazione primaria (titolo abilitante all’insegnamento – art. 6, Legge 169/2008);
  • Diploma Magistrale o Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico o Diploma sperimentale a indirizzo linguistico conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002 (DM 10 marzo 1997);

Requisiti di accesso Secondaria di I e II grado:

  • Laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente ed equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso + 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche;
  • Abilitazione specifica per la classe di concorso;
  • Gli ITP insegnanti tecnico pratici accedono con il solo diploma.

Laurea e tre anni di servizio non è più un requisito di accesso, tale requisito era valido solo per l’a.a. 2018/19

I candidati in possesso di abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione sono esonerati dal conseguimento dei CFU/CFA di cui ai commi 1 e 2 dell’articolo 5 del Dlgs 59/2017, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso, così come previsto dal DPR 19/2016 come integrato dal DM 259/2017.

N.B  “In base alla legge 41/2020  Accedono direttamente alle prove scritte i soggetti che nei dieci anni scolastici precedenti abbiano svolto almeno tre annualità di servizio, anche non consecutive, valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124, sullo specifico posto di sostegno del grado cui si riferisce la procedura, nonché i candidati di cui all’articolo 20, comma 2-bis della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (candidati con disabilità affetti da invalidità pari o superiore all’80%).”

Per le classi di concorso appresso indicate, in seguito alla Nota del Ministero del 13 agosto 2020, non è più possibile partecipare alle selezioni:

  • A-29 Musica negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado;
  • A-66 Trattamento testi, dati ed applicazioni. Informatica; A-76 Trattamenti testi, dati ed applicazioni, informatica, negli istituti professionali con lingua di insegnamento slovena;
  • A-86 Trattamenti testi, dati ed applicazioni, informatica, negli istituti professionali in lingua tedesca e con lingua di insegnamento slovena; B-01 Attività pratiche speciali;
  • B-29 Gabinetto fisioterapico;
  • B-30 Addetto all’ufficio tecnico;
  • B-31 Esercitazioni pratiche per centralinisti telefonici;
  • B-32 Esercitazioni di pratica professionale;
  • B-33 Assistente di Laboratorio.

Walter Aloise